PONTEDILEGNOPOESIA RICORDA ALBERTO TONI

PONTE DI LEGNO - Si è aperta ufficialmente a Pontedilegno la XIII edizione del Premio PontedilegnoPoesia. Nella sala consiliare del Comune, ieri sera hanno presentato le loro opere i primi tre finalisti in gara, Maria Rita Bozzetti (per "Dialogo con Teresa", Libreria Editrice Vaticana), Luca Campana (per "Fioriture invernali", Interno Poesia) e Renato Minore (per "Ogni cosa è in prestito, La nave di Teseo).  

   Stasera, sempre nella sede del Comune di Pontedilegno, prevista la presentazione delle opere degli altri tre finalisti: Alberto Bertoni ("L'isola dei topi", Giulio Einaudi Editore), Raffaele Castelli Cornacchia ("L'educazione", Per Quod) e Ennio Cavalli ("Amore manifesto", La nave di Teseo). 

   Tra una terna di poeti e l'altra, il Premio ha riservato quest'anno un appuntamento speciale per ricordare la figura e l'opera di Alberto Toni, una delle "voci" più autorevoli della poesia italiana contemporanea, scomparso nel 2019. Toni partecipò al PontedilegnoPoesia fin dalla sua prima edizione, poi fu componente di giuria e a una sua lirica è dedicato un totem, nel paese. La sua figura e la sua poetica sono state ricordate in un incontro al Centro Congressi Mirella dedicato interamente alla presentazione del suo libro postumo "Tempo d'Opera" (Il ramo e la foglia edizioni), curato dalla moglie Patrizia e dal critico e amico Roberto Deidier, il libro raccoglie poesie inedite di Toni, che ripercorrono l'intera sua produzione poetica: "un libro riassuntivo che è anche una sorta di testamento", ha detto Deidier.

   Per l'occasione è intervenuto anche il poeta Marco Vitale, che con lo scrittore e drammaturgo romano ha condiviso più di quarant'anni di attività letteraria, il quale ha ricordato come l'opera di Toni sia destinata a "tenere nel tempo, perché nessuno come lui all'interno della poesia italiana contemporanea si colloca esattamente a metà strada tra la voce di Sandro Penna e quella di Amelia Rosselli".

   Il vincitore del PontedilegnoPoesia 2022 sarà proclamato domani, sempre nella Sala consiliare del Comune, alla presenza del sindaco, Ivan Faustinelli, e del presidente dell'associazione MirellaCultura, Andrea Bulferetti, fondatore del Premio.